Il sito www.cavloreto.it utilizza cookies tecnici e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze. Se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente. Scopri l'informativa e come negare il consenso. Si evidenzia che, laddove non venga effettuata alcuna scelta e si decida di proseguire comunque con la navigazione all’interno del presente sito web, si acconsente all’uso di tali cookie.    OK, CHIUDI.

  S. Messa mensile per le intenzioni del CAV

Loreto è "città per la pace", ma non può esserci pace che non sia fondata su verità, giustizia, amore e libertà. In definitiva la pace è un dono di Dio, per il quale l'uomo deve costantemente impegnarsi. "Io sento che il più grande distruttore della pace oggi è l'aborto. Perché, se una madre può uccidere il suo stesso figlio, cosa impedisce che io uccida te e tu uccida me? Nulla". Così si esprimeva Madre Teresa di Calcutta nel celebre discorso per il premio Nobel per la Pace nel 1979 (la legge 194 sull'aborto in Italia è del 1978, mentre nel 1981 il referendum per la sua abrogazione falliva con circa 10 milioni di sì e 20 milioni di no).

 

Grazie alla sollecitudine paterna di mons. Giovanni Tonucci, arcivescovo prelato di Loreto, all'attenzione pastorale del Vicario generale, alla sensibilità e disponibilità dei Parroci e del Rettore del Santuario della Santa Casa, e alla collaborazione di tutto il Clero religioso e diocesano, degli Istituti religiosi femminili e dei Movimenti e Associazioni, da giugno 2014, una Santa Messa dell'ultima domenica di ogni mese nel Santuario e in ciascuna chiesa parrocchiale di Loreto sarà celebrata a beneficio delle diverse persone coinvolte nell'aborto volontario, in particolare nelle Marche, regione affidata alla protezione della Madonna di Loreto, in base al seguente ordine:

 

Gennaio e luglio: per le Madri che hanno abortito volontariamente o che sono tentate di farlo;

Febbraio e agosto: per i Padri dei bambini abortiti volontariamente e per gli altri familiari che hanno favorito o subito la scelta;

Marzo e settembre: per i Medici, gli infermieri e il personale socio-sanitario che collabora all'aborto volontario;

Aprile e ottobre: per i Politici e gli amministratori che hanno la responsabilità delle leggi pro o contro la vita e della loro applicazione;

Maggio e novembre: per la Comunità cristiana, quella civile in generale e per i volontari dei CAV; 

Dicembre e giugno: per i Bambini abortiti volontariamente.

 

Loreto "città per la pace"... e per la Vita!                    da oggi ancora di più.

 


Guarda gli allegati in fondo a questa pagina.


 

L'aborto è questione profondamente laica.

L'aborto è questione profondamente religiosa.

Perchè l'aborto procurato o interruzione volontaria di gravidanza è un fatto, anzi sono fatti - oltre duemila fatti all'anno nelle Marche, decine e decine di migliaia di fatti all'anno in Italia, circa 50 milioni di fatti in tutto il mondo ogni anno - sono fatti profondamente e radicalmente umani (o disumani, se vi pare). 

 

L'aborto coinvolge nella maniera più profonda possibile tutte le persone ad ogni livello di organizzazione sociale: il bambino non ancora nato (il figlio indesiderato, ma che c'è! e poi non c'è più) che perde la vita in maniera violenta; la donna-madre che acconsente a trasformare il proprio grembo, il proprio stesso essere, da culla a sepolcro per quel figlio; l'uomo-padre che scompare materialmente e moralmente dalla scena, volente o nolente, e che per questo resta in modo occulto il principale responsabile "irresponsabile" di quello che accade, le famiglie indelebilmente segnate se non distrutte (quanti padri ed ex-fratellini feriti nell'anima sulla falsa scorciatoia dell'aborto!); i medici e gli infermieri e gli operatori socio-sanitari, che per un istante almeno (50 milioni di istanti al mondo ogni anno) tradiscono la loro missione a servizio della salute e della vita, per sopprimere l'innocente indifeso; i parenti e gli amici e la società civile e i politici e tutti, tutti quanti, che ignorano o fingono di ignorare l'abominio di un mondo che chiama diritto e libertà di scelta il massacro dei bambini non ancora nati, guidando la mano della morte nel luogo più sacro e protetto per la vita umana.

 

L'agghiacciante risultato finale è che oggi il luogo meno sicuro al mondo per un bambino è il grembo materno: una gravidanza su cinque si conclude con l'aborto volontario.


L'essere umano può accettare tutto questo? No. Ma può tollerarlo, almeno fintanto che ignora i fatti... o preferisce ignorarli.

E Dio, creatore e amante della vita, può accettare e tollerare tutto questo? Può accettare e tollerare che il male sia spacciato per bene, che il più orribile dei delitti sia diffuso, propagandato, finanziato da organizzazioni governative e non governative, e infine accolto dalla società come un diritto umano?

 

 

 

 

Allegati da scaricare:

 

 

 

 

 

  Scelti per voi

Corso Formazione Metodo Ovulazione Billings

I metodi per la regolazione naturale della fertilità, o semplicemente Metodi naturali, non sono gli "anticoncezionali cattolici" o un ripiego per chi è un ...

S. Messa mensile per le intenzioni del CAV

Loreto è "città per la pace", ma non può esserci pace che non sia fondata su verità, giustizia, amore e libertà. In definitiva la pace ...

Concorso Scolastico Europeo 2013-2014

PREMIAZIONE REGIONALE DOMENICA 30 NOVEMBRE 2014 - ORE 10:00 LORETO - SALA DEL CONSIGLIO COMUNALE (Corso Boccalini, 32)   Scorri questa pagina per scoprire chi sono ...

Uno di Noi - iniziativa dei cittadini europei

One of Us è una delle prime iniziative dei cittadini europei registrate nell’Unione europea. Il suo obiettivo è quello di far progredire notevolmente, in ...

 

 

 

Centro di Aiuto alla Vita di Loreto "l'Ascolto" - Registro reg. odv n. 68142 - 03/06/2013

Via Sisto V, 40 – 60025 Loreto, AN - Tel. 071.2410826 - Cell. 345.5835169

IBAN (CaRiLo): IT72I0619537381000000015570 - C.F. 93136480428 – Destina il tuo 5 per mille al CAV di Loreto

Associazione di volontariato onlus per la tutela della maternità e la prevenzione dell’aborto procurato

Copyrights © – 2014-2017 cavloreto.it. All rights reserved | Policy Privacy | Policy Cookies | powered by ifeelgoodweb | area riservata